Ecco un nuovo parto, stavolta del tutto personale, dell’eclettico Achille, che si è voluto cimentare in un racconto breve, carico di suspence e di pathos, frutto probabilmente anche questo di una digestione quantomeno laboriosa!

Se ne sconsiglia la lettura ai cardiopatici ed ai depressi cronici !!!