Gran Sasso - 03/10/2007

Salire sulla Vetta Occidentale del Corno Grande, la più alta del gruppo, è un'esperienza unica perché rappresenta il "tetto" del mondo... appenninico. La via Normale è la più facile per l'ascesa ed offre una vista eccezionale su tutto il gruppo.

Dal piazzale di Campo Imperatore (2130 mt), dove si parcheggia, si passa a sinistra dell'Osservatorio e si inizia a salire seguendo l'evidente sentiero. Dopo alcuni tornanti si devia a destra traversando i pendii di Monte Portella fino a raggiungere la Sella di Monte Aquila (2335 mt).

Dalla Sella si scende leggermente si tralascia il sentiero verso destra, che risale verso Monte Aquila-Sella di Corno Grande, e si traversa tutta la conca di Campo Pericoli. Arrivati alla base del versante sud del Corno Grande si risale, obliquando a sinistra, il ripido sentiero su ghiaie fino alla Sella del Brecciaio (2506 mt).

Si oltrepassa il sentiero della via Ferrata Brizio e si risale per tornanti fino all'ampia Conca degli Invalidi. Segue un breve tratto pianeggiante e dopo aver lasciato a destra la traccia per la cresta ovest si continua a salire fino ad un altro bivio.

Si abbandona il sentiero che prosegue verso il Passo del Cannone e si risale, a destra, zigzagando per il ripido sentiero di rocce e ghiaie sino a raggiungere la cresta nord più o meno dove questa si unisce alla cresta ovest.

La cima del Corno Grande non è stata purtroppo raggiunta, a causa della presenza di nevai ghiacciati, a quota 2800, che hanno impedito di completare l’itinerario.

Partecipanti
Archivio 2007Archivio_Escursioni_2007.html